Da tre giorni le centraline di Arpa di Milano e Città metropolitana registrano l’abbassamento di concentrazione delle polveri sottili (PM10) nell’aria sotto la soglia prevista di 50 microgrammi. Per questo, da domani, stop al blocco dei veicoli diesel euro 4 che potranno circolare anche dalle 8.30 alle 18.30. Tolto anche il divieto di superare la temperatura di 19° C nelle abitazioni e negli esercizi commerciali. Quella di domani non sarà, però, una giornata semplice per chi vive o deve raggiungere il capoluogo lombardo. La Confederazione Unitaria di Base e il Sindacato Generale di Base hanno proclamato uno sciopero generale nazionale di 24 ore con rivendicazioni riguardanti “il salario, il welfare, la rappresentanza nei luoghi di lavoro, i diritti universali, contro le privatizzazioni e liberalizzazioni, per abolizione delle diseguaglianze, per la salute e sicurezza”. Cub e Sgb, ricorda l’Atm (l’Azienda Trasporti di Milano), hanno indicato nuove modalità per lo sciopero. A Milano l’agitazione del personale viaggiante e di esercizio è prevista in metropolitana dalle 18 al termine del servizio e per i mezzi di superficie dalle 8.45 alle 15 e dalle 18 al termine del servizio. In un periodo in cui di deroghe si parla molto anche il Regione Lombardia arriva un preciso appello da parte di Legambiente. Secondo un rapporto di Transport&Environment i motori a metano sono dannosi per il clima quanto quelli diesel, benzina e i carburanti navali. Legambiente ci tiene, però, a fare delle precisazioni.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata