Nuova operazione da parte dei carabinieri del Noe di Milano. In collaborazione con i militari di Legnano hanno sequestrato un capannone di un’azienda di logistica, trasformato in discarica abusiva di rifiuti. Il titolare della struttura è stato denunciato per gestione illecita di rifiuti. All’interno erano stoccati circa mille metri cubi per lo più di materiali plastici che, secondo gli inquirenti, avrebbero potuto essere dati alla fiamme entro pochi giorni. Grazie alla segnalazione fatta ai militari da parte di alcuni residenti infastiditi dal cattivo odore proveniente dal capannone, sono partiti i controlli del Noe che, a quanto emerso, in queste settimane sta lavorando proprio per prevenire il fenomeno di questa tipologia di incendi nel milanese. Dall’inchiesta video “Roghi, rifiuti e cosche: attacco al Nord” realizzata dagli allievi del biennio 2016-2018 del master in giornalismo Iulm emerge che tra il 2014 e il 2017 sono 261 gli incendi divampati in depositi di rifiuti e discariche italiane e di questi il 46% riguarda il Nord. Percentuale cresciuta ulteriormente nel corso del 2018, quando sono scoppiati altri 19 roghi solo in Lombardia, regione che si è guadagnata pure lei il soprannome di “Terra dei fuochi”. Soprannome indicativo di un fenomeno che ha portato a parlare di “questione settentrionale” e all’apertura di una serie di indagini penali nei confronti di “imprenditori borderline” che avrebbero minato “il corretto ciclo di smaltimento dei rifiuti, avvicinandosi anche alla criminalità organizzata”.

 

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata