Cremona. Alla fine l’amministrazione provinciale ha autorizzato il progetto di microcentrale idroelettrica presentato dalla ditta Flowel, che potrà così iniziare i lavori presso il colatore Dugale Grumone, a Corte de Frati, nel parco dell’Oglio, dove il colatore incontra la roggia Quistra, le cui acque scorrono fino a Cremona, e il fiume Oglio. Il progetto è stato modificato più volte, in una pratica che dura ormai da tre anni, e che nelle prime versioni presentate da Stefano Bobbi, rappresentante legale della Flowel, avevano visto il Comune di Corte de Frati dissentire. Nella quarta e ultima conferenza dei servizi di venerdì scorso, però, il sindaco Rosolino Azzali ha confermato il suo parere positivo, mentre rimane il dissenso del Wwf. Sono state necesarie due prescrizioni, sull’uso dell’acqua e sulla viabilità. La presenza della centralina idroelettrica infatti sottrarrà acqua, usata nei mesi estivi dalla signora Anna Maria Vaghi per l’irrigazione agricola. La ditta Flowel si è detta disponibile a ridurre la quantità d’acqua da rilasciare da 640 litri al secondo a soli 5,760, secondo la richiesta della Soprintendenza. Va ricordato che la portata media del Grumone è di 10.250 litri al secondo. La richiesta della ditta, che ha realizzato un altro impianto vicino a Casalmorano, era di un prelievo annuo di 217 milioni di metri cubi d’acqua. Il risultato sarà comunque che la cascata del Dugale Grumone non si vedrà più, come spesso però succede da anni d’estate in caso di siccità. Sarà attivato un sofisticato meccanismo di regolazione del flusso liquido, presso la centralina, che avrà una potenza modesta, di 307,26 kilowatt, per sfruttare un salto di 6 metri e 10 centimetri. L’impianto idroelettrico sarà costruito sotto terra, altro particolare contestato dagli ambientalisti, che si erano appellati allo statuto del Parco dell’Oglio. La ditta poi pagherà alcuni lavori per 25mila euro senza Iva per migliorare la viabilità del Comune, e riqualificare anche la strada provinciale 26 per poco più di un chilometro.

 

Paolo Zignani

 

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata