Natale con lettera di licenziamento per dodici donne che lavoravano nell’area industriale di Crema, precisamente nel polo cosmetico, ritenuto da molti un vero e proprio fiore all’occhiello, anche grazie alla presenza di alcune industrie sul mercato internazionale. Due di quelle 12 operaie, inoltre, erano in maternità e hanno trovato le lettere rientrando in officina. Fulvio Di Giorgio, del sindacato intercategoriale Cobas, getta luce su una realtà ben diversa, quella delle lavoratrici che si sono ritrovate senza diritti, come le ferie e la malattia, che per le aziende, da quanto riferito, rappresentano solo un costo. La proclamazione dello stato d’agitazione delle dipendenti della cooperativa Giaele è stata infatti spedita dal sindacato all’ispettorato del lavoro territoriale di Cremona, per sollecitare una verifica sulle irregolarità, e ad alcune importanti ditte, come Ancorotti, Chromavis, Intercos e Gotha, oltre a Violetta, che ha appaltato alla Giaele. Si tratta di un sistema che Fulvio Di Giorgio considera nel suo insieme, mettendo allo scoperto i rapporti fra committente (la ditta Violetta), il fornitore cessante (la cooperativa Giaele) e i clienti Ancorotti, Gotha, Intercos e Chromavis. La Giaele ha 140 addetti, per la maggior parte donne, tuttavia “i responsabili e rappresentanti di questa cooperativa sono legati da stretti vincoli familiari con i responsabili e rappresentanti dell’azienda committente Violetta”. L’appalto sarebbe stato dunque dato dalla società madre alla società figlia, generando un rapporto fittizio allo scopo di abbattere il costo del lavoro. Si tratterebbe quindi di somministrazione irregolare di manodopera. E non appena le operaie hanno rivendicato alcuni elementari diritti, si sono ritrovate la lettera di licenziamento. Di conseguenza il sindacato di base vuole andare avanti, per smascherare il gioco di scatole cinesi, che permette alle aziende di risparmiare importi rilevanti a spese di chi lavora. La proclamazione di uno sciopero, a questo punto, sembra inevitabile.

Paolo Zignani

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata