Dall’accertamento compiuto dalla polizia provinciale il 9 gennaio del 2018 alla diffida del settore ambiente dell’amministrazione provinciale è passato più di un anno. Il sopralluogo degli agenti agli ordini del comandante Mauro Barborini ha verificato la fuoruscita di percolato dall’impianto a biogas di Gussola, della ditta Bioguss, collegata alla Naturally Energy, la stessa società proprietaria di un’altra centralina a biogas, a Dovera nel Cremasco. Il silo perdeva la sostanza generata dagli scarti della digestione anaerobica di sottoprodotti agricoli e liquami, cioè il digestato, che finiva in un corso d’acqua. Agli dell’amministrazione provinciale, non risultano comunicazioni della proprietà, che avrebbe dovuto segnalare immediatamente il problema ambientale. Il procedimento di diffida è stato avviato, a distanza di mesi, e la ditta il 15 febbraio di quest’anno, ovvero tredici mesi dopo il fatto, ha documentato di aver provveduto a sigillare le fessure della trincea da cui fuorusciva il digestato. Il dirigente del settore, Roberto Zanoni, ha emesso la diffida e ieri ha richiamato la Bioguss a eliminare le irregolarità ed evitare che si ripetano, e la Naturally Energy ha comunicare con celerità agli enti di controllo le situazioni che possano influire negativamente sull’ambiente. Il problema dei tempi lunghi, nei controlli, a causa della carenza di personale, è già stato segnalato più volte da cittadini, associazioni e forze politiche. I precedenti sono numerosi: una ditta in provincia di Bergamo aveva denunciato nel 2014 la presenza di sostanze inquinanti, diffuse da altri, ma le verifiche sugli effetti negativi constatati a Castel Gabbiano sono arrivate a distanza di anni, tanto che è stato presentato un esposto alla Procura. Lungaggini di cui l’amministrazione provinciale di Cremona ha affermato di non essere causa. Lamentele anche da Sesto ed Uniti, perché dopo varie diffide, proteste e una petizione, gli odori molesti sono continuati. Casi in cui gli atti amministrativi si moltiplicano, mentre la loro efficacia viene messa in discussione.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata