L’Italia è stata deferita dalla commissione Ue alla Corte di giustizia europea per la ripetuta violazione dei limiti annuali e orari di biossido di azoto nell’aria delle città e per il mancato adeguamento alle norme Ue dei sistemi di trattamento delle acque di scarico in oltre 700 agglomerati e 30 aree sensibili dal punto di vista ambientale con più di duemila abitanti. In particolare, le aree soggette a sforamento limiti di NO2 sono state grandi città tra cui Milano e tutta l’area della Pianura Padana. Nel capoluogo lombardo, oltretutto, è in vigore anche la nuova area B ed è in corso una querelle per quanto riguarda il posizionamento delle centraline per la misurazione delle polveri. Sentiamo un commento di Anna Gerometta dell’associazione “Cittadini per l’aria” di Milano.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata