Cremona E’ stato approvato a fine marzo dalla direzione dell’ospedale Maggiore di Cremona il programma triennale dei lavori, che prevede cantieri per quattro milioni e mezzo quest’anno, finanziati per 850mila con risorse proprie e per il resto dalla Regione Lombardia. L’opera più importante è la realizzazione del nuovo lotto dell’area oncologica multidisciplinare, il Cancer center, il progetto più importante della storia recente, che viene attuato passo per passo. La stazione appaltante è la società Infrastrutture Lombarde. L’importo totale, sui 21 interventi previsti, arriva a 7 milioni e 400mila euro, secondo l’accordo di programma di tre anni fa. Nel 2016, fra marzo e novembre, al quarto piano è stata attivata l’area Donna, per la cura delle malattie senologiche e ginecologiche, secondo un percorso unico predefinito, che semplifica i passaggi da un reparto all’altro, mettendo al centro la paziente. Grazie ai lavori in programma quest’anno, per un investimento complessivo da un milione e 220mila euro, al quarto piano si farà anche il nuovo reparto di Oncologia, del tutto rinnovato. I pazienti troveranno così un unico punto di accesso, dagli screening agli esami diagnostici, dalla terapia al sostegno psicologico. Il prossimo cantiere permetterà a Cardiologia di allinearsi agli standard di Oncologia, costruendo una piattaforma integrata al terzo piano, mentre oggi è ripartita fra terzo e quarto piano, e ci sarà anche la nuova area ambulatoriale. Gli altri lavori in programma quest’anno comprendono la riqualificazione del laboratorio d’analisi, la nuova Radiologia d’urgenza con sala gessi nel Pronto soccorso, la riqualificazione igienico sanitaria di alcuni ambienti del Servizio psichiatrico e della Comunità psichiatrica, e l’adeguamento dei locali per alcune nuove apparecchiature, come il tomografo risonanza magnetica “big bore” in Radiologia, l’acceleratore lineare Linac in Radioterapia, per sostituire l’acceleratore ormai obsoleto, e la nuova Tac “big bore” in Radioterapia. Si faranno poi varie opere di adeguamento e messa in sicurezza antincendio. Saranno infine controllati gli accessi dei veicoli con un sistema di varchi elettronici.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata