Pieve Emanuele: muoiono due operai travolti da una lastra

Due operai sono morti questa mattina all’interno di un cantiere in via Roma, a Pieve Emanuele (Milano), schiacciati dal crollo di una parete in costruzione. I lavoratori erano impegnati nella realizzazione di paratie divisorie tra i binari ferroviari e i vicini terreni agricoli per impedire l’attraversamento dei binari, quando sono stati travolti da una lastra in metallo che stavano spostando poco prima delle 11.30. Secondo quanto accertato finora il crollo sarebbe stato causato da una manovra sbagliata con una gru. Le due vittime sono due italiani di 55 e 47 anni. Uno è morto sul colpo, l’altro è stato trasportato in ospedale in gravissime condizioni ed è deceduto poco dopo. Un terzo operaio, che stava spostando la lastra insieme a loro, è rimasto illeso. La linea ferroviaria fra Milano e Tortona, dopo l’incidente sul lavoro è rimasta bloccata fino alle 14 e 20, quando la circolazione è stata ripristinata. Sul posto sono arrivare ambulanze, automediche e l’elisoccorso Si attendono tutti gli accertamenti dell’autorità giudiziaria, e inoltre deve essere messa in sicurezza la lastra di metallo che li ha travolti per evitare che tranci i cavi della linea aerea. ll pm di turno di turno, Danilo Ceccarelli, sta procedendo ai primi atti urgenti, come i sequestri, ma l’inchiesta viene coordinata dagli inquirenti del dipartimento ‘Ambiente, salute, lavoro’ guidato dall’aggiunto Siciliano. Al vaglio la dinamica dell’accaduto e le eventuali violazioni di normative sulla sicurezza sul lavoro. I due lavoravano per una ditta appaltatrice. Rfi in una nota esprime “il proprio cordoglio e la propria vicinanza ai familiari”. L ‘ ipotesi di reato per cui sono in corso gli accertamenti da parte della Procura di Milano, come previsto in questi casi, è quella di omicidio colposo, sulla vicenda dei due operai morti all’interno di un cantiere in via Roma, a Pieve Emanuele, schiacciati dal crollo di una lastra, mentre erano impegnati nella realizzazione di paratie divisorie tra i binari ferroviari e i vicini terreni agricoli.