Brescia La Procura di Brescia ha chiuso le indagini preliminari circa la colpevolezza del padre e La Procura generale di Brescia ha chiuso le indagini sulla morte di Sana, la 24enne di origini pakistane, cittadina italiana, uccisa in Pakistan un anno fa, il 18 aprile, dopo aver rinunciato al matrimonio combinato. Il procuratore generale Pierluigi Maria Dell’Osso, ha accusato il padre ed il fratello della giovane, entrambi assolti dal tribunale del Pakistan. Un grande plauso alla giustizia italiana arriva da più fronti anche dal mondo politico

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata