Cremona Spunta il sole al termine di una primavera assente, con precipitazioni continue, intense e temperature basse: elementi che, dopo una lunga siccità, hanno contribuito a caratterizzare negativamente l’annata 2019 per quanto riguarda le produzioni agricole. I danni stimati da Coldiretti sono di milioni di euro per il territorio cremonese. La produzione di pomodori cala di un 30%, i campi ancora bagnati impediscono il taglio di erba medica e loietto, previsto già ad aprile, e nei campi di mais alcune zone sono state riseminate a causa della morte delle piantine. Ben ci mostra la situazione un coltivatorie Coldiretti, Stefano Arisi, dell’azienda Fratelli Arisi. Campi allagati, erba medica che doveva essere al secondo taglio e aspetta ancora il primo, con conseguenze sulla qualità e quindi l’appetibilità per gli animali, e danni ai campi di mais. La soluzione è in condizioni meteo favorevoli, oltre ciò  l’unica arma di difesa per gli agricoltori rimane la copertura assicurativa.

Susanna Grillo

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata