La primavera 2019 sarà ricordata come disastrosa, meteorologicamente parlando, nel bresciano. Buona parte della provincia, anche ieri nel tardo pomeriggio è stata interessata da violenti temporali e vere e proprie bombe d’acqua. In particolar modo a Darfo, Gianico e Angolo Terme, e nella bassa bresciana colpita da una forte grandinata. In Valcamonica le piogge che si sono riversate a terra nel giro di un quarto d’ora, hanno mostrato tutta la farragginosità dell’impianto fognario che, incapace di assorbire l’acqua caduta, ha determinato il formarsi di un’onda distruttiva che ha travolto automobili e quanto si trovava lungo il suo percorso. Un fiume di fango sceso dalla montagna. Molte anche le cantine allagate, così come le abitazioni e i negozi. Le strade di Ghedi e Flero, invece, sono state coperte da una coltre bianca. La grandine scesa aveva dimensioni tali che anche questa mattina è stato possibile vedere diversi cumuli nei parcheggi o nei cortili delle abitazioni. Gran lavoro per i Vigili dei Fuoco che hanno dovuto intervenire a seguito di decine e decine di chiamate di soccorso. Nuovi temporali sono attesi nelle prossime ore, in particolare sul Lago di Garda.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata