Spunta una lettera scritta a mano nel luglio 2014 con cui Luca Risso, ex compagno della bella Rubacuori, chiede al direttore della PKB di Lugano di trasferire, tramite bonifico, 60 mila euro dal suo conto chiamato Fashion su un altro suo conto presso la banca Monex di Playa del Carmen per i lavori nella sua proprietà nella nota località messicana tra gli atti del processo Ruby ter, in cui Silvio Berlusconi, gli stessi Karima El Marough e Risso e molte delle ospiti delle serate ad Arcore sono imputati per corruzione in atti giudiziari. La richiesta è una delle carte recuperate nell’ambito di una rogatoria in Svizzera e depositate dalla Procura di Milano ai giudici della settima sezione penale del Tribunale per dimostrare che l’uomo sarebbe stato beneficiario di una somma di oltre 400 mila euro trasferiti da Milano in Messico, passando per Francoforte, Londra e la Svizzera, in cambio del suo silenzio sulle feste a Villa San Martino. Come si legge nella documentazione prodotta al collegio presieduto da Marco Tremolada e davanti al quale l’11 di giugno riprenderà il dibattimento, Risso nell’estate di 5 anni fa scriveva al direttore della filiale dell’istituto di credito pregandolo di fare il trasferimento “entro giovedì” altrimenti sarei costretto a pagare una penale per il mancato inizio lavori, nella mia proprietà qui a Playa”. Ma scorrendo le carte elvetiche risulta un “avviso di addebito” sul conto del Banco Monex e datato 19 febbraio 2014 di una somma ben più alta: circa 300 mila euro. Il deposito dei documenti inviati dalla Svizzera è avvenuto lo scorso 15 aprile al termine dell’udienza in cui Marysthell Polanco, l’ex show girl dominicana, ha lanciato segnali di pentimento. Per il procuratore aggiunto Tiziana Siciliano e il pm Luca Gaglio, gli esiti delle rogatorie elvetiche, assieme alla rilettura di alcune intercettazioni telefoniche e altro, sarebbero la prova che l’ex premier, è l’ipotesi accusatoria, avrebbe comprato il silenzio su quel che accadeva ad Arcore in questo caso della bella Rubacuori e del suo ex compagno che allora avevano avviato una attività immobiliare/imprenditoriale in Messico. Il dibattimento, dopo lo stop elettorale, riprenderà il prossimo 10 giugno.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata