Il Rettore dell’Università di Catania e altri nove docenti sono stati sospesi perché coinvolti in un’indagine su concorsi truccati all’interno dell’ateneo, condotta dalla Polizia di Stato di Catania. Tutti sono ritenuti a vario titolo responsabili dei delitti di associazione a delinquere, corruzione, turbativa d’asta ed altro. Ma l’indagine è molto più ampia: risultano indagati 40 professori delle Università di Bologna, Cagliari, Catania, Catanzaro, Chieti-Pescara, Firenze, Messina, Milano, Napoli, Padova, Roma, Trieste, Venezia e Verona. L’operazione dei poliziotti della Digos, denominata “Università Bandita”, ha consentito di accertare l’esistenza di 27 concorsi truccati: 17 per professore ordinario, 4 per professore associato e 6 per ricercatore.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata