Cremona. Sequestrata dalla guardia forestale nel 1990, quando vennero scoperti rifiuti tossici nocivi e l’amministrazione provinciale avvisava la Prefettura, la discarica privata Piacentini rimane ancora com’è, senza programmi certi che conducano alla bonifica. Anzi, l’alleanza che aveva indotto Matteo Piloni (Pd) e Marco Degli Angeli, 5 stelle, a presentare insieme un emendamento che prevedeva 400mila euro della Regione finalizzati alla bonifica, si è già spezzata. L’Arpa è stata audita nella commissione Ambiente del Pirellone l’altro ieri, e Piloni e Degli Angeli presentano una versione differente. Il consigliere regionale di centrosinistra riferisce che per l’Arpa la discarica non rappresenta un pericolo, e che la bonifica va eseguita soltanto se si presenta un rischio accertato. La richiesta di Piloni è che la Regione non lasci solo il Comune di Sergnano, se dovrà affrontare una spesa rilevante. Marco Degli Angeli, invece, valuta se presentare un esposto alla Procura e protesta contro l’incredibile immobilismo che ha caratterizzato la pubblica amministrazione, che lascia così com’è la discarica in riva al Serio, in località Mirabello. Durante l’ultima piena, fra ottobre e novembre, la montagnola di rifiuti non si è sparsa nei campi, malgrado gli allagamenti, tuttavia ancor oggi non sono note relazioni tecniche sull’effettivo contenuto del mucchio di immondizie indifferenziate, che risale agli anni 70. Nel 2013 i carabinieri del Noe avevano sequestrato l’impianto avendovi trovato delle lastre di eternit, e in seguito l’Arpa aveva chiesto di installare tre piezometri, per verificare la contaminazione dei luoghi e la diffusione di gas, dato che sono stati visti anche dei fuochi sprigionarsi dalle immondizie. L’Arpa ha consegnato la relazione ai Noe di Brescia durante il sopralluogo del 2015: da allora però non si è più saputo nulla. Degli Angeli quindi lamenta che ancor oggi non si conoscano le condizioni della falda, oltre a far presente che il ripristino della copertura andava effettuato da anni. Rilancia le proteste Enrico Duranti, ex consigliere comunale: il cambio d’amministrazione, che vede succedere il centrosinistra al centrodestra, per ora non ha prodotto alcun effetto positivo. Paolo Zignani

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata