L’Emilia-Romagna oggi è al secondo posto in Italia per numero di attività commerciali e coltivazioni, ma dopo la sentenza del 30 maggio della Corte di della Cassazione si rischia la chiusura preventiva. Un danno enorme considerato che In realtà, i negozi vendono già oggi vendono soltanto infiorescenze. Un settore economico molto importante e in crescita che conta un giro d’affari di 150 milioni di euro (al 2018), con più di 4 mila ettari coltivati a canapa da oltre 2 mila aziende agricole. Serve la tutela del settore con leggi e norme: è l’appello del consigliere regionale di Sinistra Italiana Yuri Torri.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata