A Cremona la situazione della carenza dei medici specialisti sta creando criticità in particolare nei reparti di pediatria, dove mancano 6 medici, e in ortopedia, dove il primario Piero Budassi ed altri 3 medici hanno deciso di lasciare il pubblico per il privato, con un vuoto di 5/6 figure in tutto. 13 gli anestesisti che mancano nei due presidi e problemi sono creati anche dalla carenza di personale medico di pronto Soccorso. Una mole di lavoro che si abbatte sui medici in servizio, che devono fare i conti con turni massacranti e ore di straordinario che si accumulano. La direzione sanitaria sta sopperendo alla carenza di organico con diversi tipi di contratto, per assicurare il servizio all’utenza, e con concorsi e bandi per reperire gli specialisti necessari.

Susanna Grillo

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata