“Sono passato un paio di volte sulla Sicilia, vedrete presto le foto”, scherza e fluttua Luca Parmitano raccontando i primi giorni a bordo, dove ammette di avere ben poco tempo per affacciarsi e godersi il panorama. D’altronde, spazio e tempo così lontani assumono tutt’altra dimensione. Ma non abbastanza da dimenticare i problemi reali, il riscaldamento globale in primis. “Negli ultimi 6 anni ho visto deserti avanzare e ghiacci sciogliersi, – ha detto Parmitano – spero che le nostre parole possano allarmare davvero verso il nemico numero uno di oggi”. Così Luca Parmitano collegato per la sua prima conferenza stampa dallo spazio, dove trascorrerà i prossimi 200 giorni con la missione Beyond. L’attracco è già storia passata per la Soyuz. Poco più di una settimana fa l’astronauta Esa ha salutato per la seconda volta la Terra e raggiunto la Stazione spaziale internazionale con la navetta assieme ad altri due astronauti.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata