Soresina (CR)La diffida emessa dall’amministrazione provinciale indica la Latteria Soresina come responsabile di una serie di episodi di inquinamento della roggia Spinadesca. Le segnalazioni erano state inviate da alcuni cittadini al sindaco di Annicco Maurizio Fornasari, che le ha a propria volta girate all’Arpa e a tutte le autorità interessate all’inquinamento dei corsi d’acqua. Il sopralluogo della polizia provinciale è del 13 febbraio, cui sono seguiti i controlli ispettivi straordinari dell’Arpa il 17 febbraio e il 29 marzo presso il depuratore della Latteria Soresina. L’analisi chimica dei campioni d’acqua dimostrava che alcuni parametri erano fuori norma. Si tratta della presenza di fosforo, solidi sospesi, tensioattivi, grassi e oli vegetali e altri parametri che indicano la capacità di compiere la biodegradazione dei materiali inquinanti. Il depuratore, insomma, non ha funzionato e i reflui che ne uscivano hanno quindi  messo in grave difficoltà la roggia Spinadesca, che sul territorio di Annicco infatti appariva bianca, oltre che spesso in secca. Sul fondo inoltre sono stati notati a lungo depositi di colore bianco. Una morte bianca, si direbbe, per il corso d’acqua che arriva a Sesto e Uniti, dove questa primavera si è verificata una morìa di pesci, causata da altre fonti inquinanti. La roggia prosegue poi verso Cremona, per confluire nel Naviglio civico. La Latteria Soresina ha segnalato alle autorità il cattivo funzionamento del depuratore solo dopo il sopralluogo della polizia provinciale, imputando l’inquinamento alla fase di avvio del nuovo burrificio e al guasto di due turbine galleggianti. Le norme vogliono invece che i guasti vengano denunciati subito, non appena si verificano. Il 20 maggio scorso la Latteria in una nota inviata all’Arpa ammetteva la crisi del depuratore e sosteneva che il rimedio avrebbe richiesto un periodo di tempo. La diffida del settore Ambiente della Provincia, firmata Roberto Zanoni, è stata emanata soltanto l’altro ieri: l’azienda lattiero-casearia avrà quindi 30 giorni per eliminare le irregolarità riscontrate.

Paolo Zignani

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata