Brescia, polmonite di massa: non paga nessuno?

La Procura di Brescia con il sostituto procuratore Maria Cristina Bonomo ha disposto l’archiviazione dell’indagine sull’epidemia da legionella che si era sviluppata in provincia di Brescia tra fine agosto e inizio settembre di un anno fa con numerosi decessi per polmonite da legionella. Scagionate le torri di raffreddamento delle aziende e le acque del fiume Chiese nella zona della Bassa bresciana, la più colpita un anno fa dall’epidemia. Insorgono i cittadini del Comitato di Salute Pubblica.