Pensavano di poter portare a casa un importante bottino i due malviventi che nella giornata di Ferragosto hanno messo a punto un sistema che permettesse loro di clonare le carte di credito di migliaia di persone, in transito alla Stazione Centrale di Milano. Posto perfetto per questo tipo di truffa, nel momento ferragostano tipicamente caratterizzato da fiumi di gente in movimento per ogni destinazione. La coppia aveva messo in funzione un congegno che consentiva, quando gli utenti utilizzavano la macchinetta per acquistare i biglietti ferroviari, di clonare il codice pin, grazie ad una microcamera in grado di carpire il numero segreto. Poteva davvero essere un colpo fortunato, se non fosse stato per l’allerta della polfer, che per questi giorni Ferragostani ha messo in piedi un importante sistema di controllo sui convogli e in stazione. I due sono stati notati dagli agenti, perché erano rimasti nei pressi di una biglietteria automatica per oltre un’ora, senza spostarsi. La verifica ha subito svelato l’arcano: lo skimmer posizionato all’interno della macchinetta, che consentiva di leggere le carte di credito dei viaggiatori, e una piccola telecamera. Nonostante i tentativi di non farsi notare i due, entrambi rumeni, sono stati pizzicati dopo aver asportato il congegno. La coppia era in possesso di una transizione bancomat di 6mila sterline e di due schede che probabilmente servivano per la clonazione delle carte. Sono stati quindi arrestati.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata