Brescia, scuola: partenza con difficoltà

Brescia Un decimo delle cattedre sono ancora da assegnare, diverse scuole (soprattutto del primo ciclo) costrette a orario limitato, problemi soprattutto sul sostegno (e un po’ anche sulle discipline scientifiche) dove le graduatorie sono proprio vuote e mancano i professori. E’ la fotografia della scuola bresciana ad una settimana dall’avvio dell’anno scolastico 2019 2020. E come se non bastasse si è registrato un intoppo che a riguardato la sperimentazione per le chiamate annuali dei docenti di seconda e terza fascia. L’assegnazione delle cattedre annuali, le cosiddette supplenze, quest’anno ospitato dall’aula Magna dell’Itis Castelli, è partito con il piede sbagliato a causa, probabilmente, di un errore di sistema del quale ci si è accorti nelle prime fasi. L’assegnazione per le cattedre di educazione artistica, storia dell’arte, italiano per stranieri, musica, teorie e tecniche della comunicazione multimediale, discipline plastiche, grafico-pubblicitaria e grafica quindi è stata annullata e rimandata a data da destinarsi, ma comunque esaurito il fitto calendario già stilato per le altre classi di concorso. Si andrà quindi ai primi di ottobre. La sperimentazione avviata a Brescia sulla chiamata unica dei docenti di seconda e terza fascia, fino allo scorso anno in mano ai singoli istituti, dovrebbe accelerare un po’ i tempi di assegnazione delle cattedre. Salvo intoppi, appunto, come quello accaduto ieri.Anche perché il nuovo sistema, finalizzato a far incontrare scuole e docenti in tempi più rapidi (dopo la fase delle immissioni in ruolo o delle supplenze annuali gestite direttamente dal ministero e dagli uffici territoriali), dovrebbe avere anche il pregio della maggiore trasparenza nella chiamata dei docenti. Questa settimana le convocazioni per amministrativi e altre classi di concorso proseguono come da programma, la prossima dovrebbero essere introdotti alcuni accorgimenti. Per la convocazione sfumata di ieri mattina tutto viene rinviato al termine delle altre operazioni.