Cremona. Le linee programmatiche del sindaco Gianluca Galimberti, presentate e approvate dalla maggioranza nel consiglio comunale di giovedì aprono con alcune azioni positive dedicate all’ambiente, arrivando a riproporre la dismissione dell’inceneritore. L’obiettivo indicato dal primo cittadino è l’incremento della differenziata, dal 75% attuale all’80%: una soglia però largamente insufficiente a ottenere la chiusura dell’impianto di San Rocco, che è alimentato, più che dalla città di Cremona, soprattutto dai conferimenti che provengono dai Comuni della provincia e dalle imprese. L’economia circolare è presente nel titolo e negli obiettivi, ponendo la priorità del riuso dei materiali, per ridurre lo spreco di materiali, il consumo di fonti fossili e promuovere le energie rinnovabili, riciclo e produzioni efficienti. Il materiale effettivamente recuperato dalla differenziata dovrà aumentare dal 35 al 50%. Si aggiungono poi, oltre alla possibilità della tariffa puntuale e al contrasto dell’abbandono dei rifiuti, le politiche del cibo, per incrementare la filiera corta, gli acquisti consapevoli e il recupero sociale dell’invenduto nei supermercati e nei negozi. Molte le azioni positive, con la manutenzione del verde pubblico tra le priorità, senza però fare passi avanti verso la chiusura dell’inceneritore, anche perché non viene indicata l’attuazione della fonte alternativa che dovrà rifornire di calore il teleriscaldamento, che Galimberti intende comunque potenziare con l’efficientamento energetico degli edifici. Le richieste rivolte dalle associazioni al Comune negli ultimi anni rimangono lettera morta. In primo piano, soprattutto, l’osservatorio delle imprese che il sindaco vuole costituire per rinsaldare i rapporti con le categorie economiche, i centri di ricerca, le università e i privati, in un quadro che ha come priorità la promozione del territorio. L’ambiente rimane insomma vincolato, a Cremona, alla tutela dei posti di lavoro e a politiche di protezione del sistema delle imprese esistenti.

Paolo Zignani

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata