Cremona. Il Comune di Cremona, pur facendo parte della pubblica amministrazione, è diventato come un gruppo societario, e la giunta Galimberti ha dovuto approvare quindi lo schema di bilancio consolidato sulla gestione del 2018, dove l’amministrazione cittadina figura come capofila, nei confronti delle controllate Aem, Cremona Solidale e Fondazione Città di Cremona, e delle partecipate Padania Acque, Azienda sociale, Teatro Ponchielli e Fondazione Politecnico. I consuntivi delle partecipate si armonizzano, come fossero una cosa sola, anche se il documento non impone la ripartizione degli utili e si limita quindi a rappresentare la situazione economica e finanziaria. L’azienda farmaceutica Afm, pur partecipata 22%, non ha inviato i dati del proprio bilancio, mentre la Fondazione Stradivari museo del violino viene considerata economicamente irrilevante per il basso impatto patrimoniale. Malgrado gli sviluppi della normativa, però, poco cambia per i cittadini, che restano i principali azionisti del Comune, visto il totale di 44 milioni di euro di tributi versati dai contribuenti cremonesi, quasi la metà dell’intero bilancio del 2018. All’interno del gruppo, spunta poi un socio per così particolare, ovvero il pool di banche che ha ricevuto garanzie per 283 milioni di euro da Padania Acque, allo scopo di accrescere gli investimenti. Al di fuori del gruppo societario del Comune, ma con interessi e obiettivi confinanti, è l’amministrazione provinciale, che sta decisamente peggio, obbligata com’è a giustificare anche i più piccoli prelievi dal suo fondo di riserva. Infatti, per le esigenze segnalate dai dirigenti, in tutto 148mila euro, come la necessità di fare i lavori di adeguamento della prevenzione incendi e sismica dell’istituto Einaudi, il presidente Mirko Signoroni deve chiedere il permesso al consiglio provinciale, come anche per pagare spese e rimborsi di viaggio per 2mila euro. E in cassa, nel fondo di riserva, restano solo 3milioni e 56mila euro, costantemente monitorati per non finire in rosso.

Paolo Zignani

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata