Cremona. Lavoro intenso dell’Unità Operativa di Medicina dell’Ospedale di Cremona, che inizia a raccogliere i primi frutti dall’arrivo del direttore, Matteo Giorgi Pierfranceschi, grazie ad una riorganizzazione delle strutture e del lavoro del personale medico e infermieristico. Grazie alla scelta di concentrare, in un primo momento, l’attenzione sulla degenza, e grazie all’introduzione dell’ecografia al letto del paziente, il reparto riesce a ridurre tempi di attesa e degenza, per i pazienti, per lo più anziani multipatologici, favorendo risposte diagnostiche rapide e iter terapeutici personalizzati. Il reparto è stato rimesso a nuovo anche per quanto riguarda i locali dei due padiglioni, in attesa che finanziamenti importanti consentano una ristrutturazione necessaria. Da questa settimana il Centro Endocrino Metabolico è stato trasferito ai Poliambulatori. Prossimi obbiettivi, oltre all’area ambulatoriale, la nascita di un Centro e per l’Ipertensione e un centro per l’attività epatologica, rafforzando la rete che consentirà di offrire al paziente un percorso terapeutico personalizzato, multispecialistico e integrato. E poi la frontiera della telemedicina.

Susanna Grillo

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata