Parte campagna prevenzione cheratocono, può causare cecità

E’ una malattia dell’occhio che causa l’assottigliamento e la deformazione della cornea, può esordire fin dalla pubertà e se non viene immediatamente diagnosticata è difficilmente curabile se non con un trapianto di cornea. E’ il cheratocono, problema di cui poco si parla ma che può portare alla cecità.

In Italia ci sono mediamente circa 54,5 casi ogni 100 mila abitanti e ogni anno si aggiungono dai 1000 ai 2000 casi. Sono dati che hanno indotto gli oculisti a realizzare una grande campagna di informazione e prevenzione del cheratocono in tutta Italia che durerà fino al prossimo 11 ottobre.

A promuoverla sono in particolare l’Università di Verona, il Centro Nazionale di Alta Tecnologia in Oftalmologia dell’Università di Chieti-Pescara, il Camo (Centro Ambrosiano Oftalmico), in collaborazione con Neovision e col patrocinio dell’Associazione Italiana Cheratoconici (Aiche), della Società Oftalmologica Italiana (Soi) e della Società Italiana Trapianto di Cornea (Sitrac). Sarà una iniziativa che vedrà coinvolti decine di centri su tutto il territorio nazionale, per la quale è stato richiesto il patrocinio del Ministero della Salute, e della Regione Veneto.

Per un mese gli specialisti di 18 Centri distribuiti sul territorio nazionale (da Bologna a Chieti, da Verona a Napoli, da Milano a Catanzaro) visiteranno gratuitamente i pazienti che si saranno prenotati sul sito www.curagliocchi.it e presso tutte le strutture coinvolte, con l’obiettivo non solo di diagnosticare questa malattia ma anche e più generalmente per informare la cittadinanza su un disturbo oculare che può portare a gravi conseguenze per la vista.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata