Cremona L’erosione della sponda del Naviglio, civico a ridosso della palazzina al 38 di via San Francesco d’Assisi è sotto gli occhi di tutti da tempo e le manutenzioni necessarie non sono mai state attuate. Il corso d’acqua ha mangiato un pezzo di sponda, ora completamente coperta dalla vegetazione, e minaccia di erodere e far crollare anche il vialetto pedonale all’interno della recinzione. Qui, nel sottosuolo, ci sono i servizi e, come confermano due verbali emessi dai vigili del Fuoco in alcuni monitoraggi, la situazione è a rischio. Un rischio più volte portato all’attenzione dell’amministrazione, negli anni, senza risposta. L’amministratore di condominio è esasperato dal silenzio del comune. Se prima a frenare la messa in sicurezza della sponda era una lista di priorità in cui il Naviglio copriva posizione secondaria, insieme alla mancanza di risorse, oggi la risposta per evadere le richieste è che la competenza di tali interventi sta passando dal Comune al Dunas.

Susanna Grillo

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata