Il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana ha fatto il punto sulla situazione delle infrastrutture e dei trasporti ferroviari oggi in un colloquio con l’agenzia Lapresse.it, ricordando l’accordo di marzo con Rfi per un investimento di 14 miliardi, per realizzare diverse opere come il raddoppio dei binari attese anche in provincia di Cremona. I lavori dovevano partire a settembre e sono in ritardo. Fontana intende quindi riparlare con l’amministratore delegato di Rfi. Tra le opere stradali importanti citate dal numero uno del Pirellone c’è anche la Cremona e Mantova. Fontana rivela però che bisogna ancora decidere se fare un’autostrada o se si vuole raddoppiare la statale oggi esistente. Dopo mille annose discussioni, quindi, ancor oggi né la Regione né i territori interessati hanno preso alcuna decisione sul progetto da scegliere e finanziare.

Dopo aver chiesto una convocazione all’ex ministro Danilo Toninelli, Fontana sperava in questi giorni in una risposta dal successore, Paola De Micheli: è però rimasto deluso dal silenzio del dicastero. Dei cinque scenari prospettati in luglio nel vertice milanese, dal più costoso, l’autostrada, al più rapido e più economico, la riqualificazione della statale, neppure uno ha compiuto un passo avanti. Alle lamentele di Fontana ha replicato il consigliere regionale del Pd Matteo Piloni: “Se il giochino della Regione è quello di prendersela con chi è al Governo oggi per non dare risposte ai territori, ci sembra una tattica molto fragile, oltre che inutile”. E’ imbarazzante per Piloni puntare il dito contro chi è al governo da 40 giorni, dopo che la Regione promette l’autostrada Cremona Mantova da vent’anni. Tocca insomma alla Regione dare risposte, non al governo. Il Pd si aspetta investimenti regionali sin dal prossimo bilancio. Contro la crisi dei trasporti ferroviari, poi, il centrosinistra, ancora con Matteo Piloni, ha distribuito volantini e fatto presidi stamattina a Cremona, Crema, Soresina, Capralba, Soresina e Castelleone. Domani in commissione regionale Trasporti, l’assessore Claudia Terzi e l’amministratore di Trenord Marco Piuri per un bilancio sul funzionamento del settore, travolto dalle critiche. Anche stamattina ci sono stati ritardi e cancellazioni di treni.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata