“Il governo faccia chiarezza sul gravissimo incidente dello scorso 25 settembre nel sito nucleare di Caorso (Pc). Ancora tanti, troppi i punti di domanda su quanto avvenuto. A partire da cosa lo abbia scatenato, se ci sono conseguenze per l’ambiente e la salute delle persone che vivono nel territorio e quali. Non ultimo, quali garanzie possa fornire l’esecutivo sulla messa in sicurezza del sito stesso. E’ chiaro che le scarne rassicurazioni fornite finora da Sogin, società incaricata dello smantellamento, non bastano di certo a tranquillizzare nessuno. La popolazione residente e il Paese intero ha il diritto di sapere come stanno davvero le cose”. Così i deputati della Lega Elena Murelli e Guido Guidesi che, assieme a tutti i colleghi del Carroccio dell’Emilia-Romagna e della Commissione Attività produttive di Montecitorio, hanno presentato un’interrogazione al Ministro dello sviluppo economico. In particolare si chiede al ministero di fornire notizie e chiarimenti in merito a quanto accaduto, si chiede di sapere quale sia stata la causa scatenante e se questo incidente abbia comportato conseguenze di natura ambientale e di impatto sulla salute dei cittadini. Era il 25 settembre scorso quando un operaio di 31 anni dipendente di una ditta esterna è rimasto vittima di una elettrocuzione di media tensione mentre stava manovrando alcuni quadri all’interno di un edificio ausiliario della centrale nucleare. La scarica elettrica ha generato anche un principio di incendio che, fortunatamente non ha registrato problematiche di radioattività. L’operaio è stato rianimato e trasportato d’urgenza all’ospedale di Pavia, in gravi condizioni. La ditta del lavoratore coinvolto nell’incidente è un’impresa italiana, di proprietà di un gruppo francese; la Sogin, invece, è la società incaricata del decommissioning degli impianti nucleari, che, con una nota, si è affrettata a dichiarare che l’evento è avvenuto in area convenzionale e, pertanto, non ha comportato alcuna conseguenza di natura radiologica.  

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata