Vescovato CR La tensione, tenuta viva da continue polemiche tra la maggioranza del sindaco Gianantonio Conti e la capogruppo di minoranza Maria Grazia Bonfante, ha animato il consiglio comunale di ieri sera. All’ordine del giorno un argomento molto atteso: infatti l’ex sindaco Bonfante ha presentato una proposta di delibera finalizzata alla realizzazione di un villaggio Alzheimer, da realizzare con fondi da reperire tramite bandi, e un bacino d’utenza territoriale, non solo comunale, per un progetto da concordare con la casa di riposo locale, le associazioni e l’Ats. Aumentano infatti i casi di demenza sul territorio e la Regione Lombardia ha previsto nuovi investimenti. La sede da mettere a disposizione è di proprietà municipale, ovvero Villa Immacolata, attualmente in disuso. Il sindaco Conti, durante un lungo dibattito con molti interventi da parte di diversi consiglieri dei due gruppi contrapposti, ha più volte precisato di condividere le finalità, mentre diversi altri esponenti della maggioranza hanno manifestato apprezzamento per il progetto; tuttavia, al momento del voto, la maggioranza si è opposta e così si è fermato l’iter che avrebbe potuto condurre alla costruzione di un villaggio Alzheimer con 40 alloggi, una piccola piscina per la riabilitazione e un costo di sei milioni, secondo il business plan. La discussione si è soffermata sulla reperibilità degli atti: il progetto infatti non sarebbe stato messo a protocollo. Il sindaco Conti anzi ha affermato che si trovava nella mail dell’ex sindaco. Mariagrazia Bonfante ha insistito sull’opportunità di creare un gruppo di lavoro unitario, per realizzare il servizio per l’Alzheimer, dato che la Regione da due anni prevede e finanzia interventi di questo tipo. La maggioranza si è comunque opposta, anche con alcune divergenze al proprio interno.

Paolo Zignani

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata