L’aspra battaglia condotta dall’amministrazione comunale in nome dell’equità fiscale avanza passo per passo, senza trascurare neppure un passo carrabile. Stanno per partire infatti 455 avvisi di accertamento ad altrettanti evasori del Cosap, il Canone sull’occupazione di spazi e aree pubbliche, evaso per un totale di 106.913 euro, secondo i calcoli della società Ica, la concessionaria municipale che sta svolgendo un’attività di verifica, rilevazione e controllo sui titolari dei passi carrai. Si tratta di spazio sottratto all’uso pubblico, sul quale si paga un’imposta proporzionale alla superficie occupata. Già l’anno scorso il Comune ha precisato che tutti coloro che hanno un passo carrabile con davanti un’opera visibile, per lo più uno scivolo al marciapiede per il transito delle auto, devono pagare al Comune il canone. Per evitare la confusione sugli effettivi diritti e dovere, il Comune l’anno scorso ha avviato un’informativa a cittadini, condomini e attività che hanno un passo carrabile a raso, senza davanti un’opera visibile come uno scivolo, che hanno la possibilità e non l’obbligo di usufruire della concessione del passo carraio in esclusiva. Su 4mila passi carrai cremonesi, 1.800 sono dotati di un’opera visibile come ad esempio uno scivolo: tutti quanti devono pagare il canone, all’incirca 100 euro, secondo la superficie occupata. C’è però chi non paga, credendo di essere esente solo perché non espone il cartello. Il Comune però ha chiarito che si paga ugualmente, purché ci sia l’opera visibile che consente il transito del veicolo all’interno della proprietà privata. L’evasione l’anno scorso era arrivata a circa 900 casi, cioè la metà dei contribuenti. Quest’anno, all’accertamento della seconda parte del 2019, l’evasione si è ridotta, da 900 a 455 contribuenti. L’assessore Maurizio Manzi insiste da anni sul principio di equità, così come i suoi predecessori. Una battaglia difficile, che vede spesso i vigili urbani chiamati dai cittadini per far rimuovere le auto parcheggiate davanti a portoni e cancelli.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata