Cremona, ambiente? Viene prima l’autostrada.

Cremona. Anche nell’ultimo Consiglio Comunale non è stata discussa la Dichiarazione di Emergenza Climatica, documento che chiede l’impegno del Comune con un’agenda di serie misure d’azione per il contrasto delle emissioni inquinanti e per la salvaguardia di ambiente e salute. La Dec questa volta è stata scavalcata dalla priorità, come l’ha definita il sindaco Galimberti, costituita dal progetto dell’autostrada Cremona – Mantova. Amarezza e delusione è ciò che rimane agli attivisti di Fridays for Future e agli ambientalisti che aspettano in grazia che il Consiglio Comunale discuta e approvi la Dec, Dichiarazione di Emergenza Climatica, come già numerose città in Italia. In piazza ogni venerdì, da giugno ad oggi, come sottolineano dalla pagina Facebook, i Fryidays ad agosto sono riusciti a protocollare il documento, che solo a novembre è entrato all’ordine del giorno e fino ad oggi non è stato mai discusso per “mancanza di tempo”. La Dec chiede serie misure di controllo e contrasto ai fattori inquinanti, per rispondere anche sul piano sanitario alla situazione fotografata da Legambiente, nel dossier Mal’Aria 2019, che pone Cremona al quarto posto per inquinamento in Italia.  Il documento, quando e se verrà discusso non dovrà essere duna pura facciata ma dovrà modulare le azioni dell’amministrazione in un ciclo virtuoso a tutela dell’ambiente. Gli ambientalisti non rinunceranno alla loro battaglia.