Oltre 40 condanne fino a 14 anni di carcere. Si è chiuso così nell’aula bunker davanti al carcere milanese di San Vittore il maxi processo in primo grado con rito abbreviato, davanti al gup Alessandra Simion, con al centro l’accusa di associazione per delinquere finalizzata al traffico di droga e due blitz della Squadra mobile che, tra ottobre e novembre 2018, hanno bloccato prima un traffico di cocaina importata dal Costa Rica e nascosta in carichi di ananas e poi una rete di spacciatori attiva nel quartiere di San Siro, nel capoluogo lombardo. A seguito delle indagini del pm Bruna Albertini, il gup ha condannato a 13 anni e 4 mesi Marco Cademartori, difeso dall’avvocato Senes, e poi, tra gli altri, Giuseppe Cilione (difeso dal legale Amedeo Rizza) e Pietro Cilione (assistito dall’avvocato Daniele Barelli) entrambi a 14 anni e che sarebbero stati a capo di un secondo ‘gruppo’. Per loro il pm aveva chiesto 16 anni, ma il gup ha concesso le attenuanti generiche. Dei 44 imputati solo Martina Cilione è stata assolta. Nel novembre del 2018 erano state arrestate 18 persone, mentre poco più di un mese prima c’erano stati 29 arresti. Il punto di partenza dell’ultima tranche di indagine era stata una cessione di 460 grammi di cocaina in via Palmi, a Milano, del luglio 2017 e che aveva consentito agli investigatori di scoprire due gruppi distinti che si occupavano dello spaccio nel quartiere di San Siro, ma anche a Buccinasco (Milano). Gli investigatori sono, poi, risaliti anche al gruppo dei fratelli Cilione, a capo della piazza di spaccio nel quartiere Bonola di Milano e nel comune di Robbio. Le indagini avevano portato, poi, anche all’individuazione del gruppo di Marco Cademartori e Salvatore Ponzo, presunti trafficanti titolari della ‘Tierra nuestra latina’, una ditta che spediva regolarmente dal Costa Rica container pieni di ananas e che una volta ogni tre mesi inseriva tra i bancali una partita di cocaina colombiana. Tra i condannati di oggi anche Domenico Barbaro ad un anno e 10 mesi per un tentativo di acquisto di cocaina.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata