Brescia. A quasi un decennio di distanza, torna in voga l’idea di ricoprire la zona di Brescia del Sito di Interesse Nazionale Caffaro con un campo fotovoltaico. Nel 2011 l’idea venne lanciata dall’allora consigliere comunale Aldo Rebecchi, mentre ora è stata rilanciata dallo storico ambientalista Marino Ruzzenenti congiuntamente al Tavolo Basta Veleni. C’è però chi non è d’accordo. Non tanto sul fotovoltaico in sé, quanto alla sua effettiva utilità in una zona inquinata e compromessa oramai da troppo tempo.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata