Cremona. Che sia per un motivo o per l’altro, le piste ciclabili di Cremona non possono non far discutere. Anche se queste non sono ancora attive. È il caso di quella di via Bergamo, i cui lavori sono iniziati soltanto pochi giorni fa nel tratto che va da Piazza Risorgimento al sottopasso ferroviario nei pressi di via Castelleone. Proprio quest’ultimo è uno dei motivi della discordia dato che, con piogge un po’ abbondanti, è solito allagarsi ed essere di difficile percorribilità anche per i mezzi, spesso pure pesanti.  La carreggiata di Via Bergamo verrà ristretta di 3 metri, con conseguente rivisitazione dei parcheggi che saranno paralleli alla strada e non più perpendicolari. Con buona pace delle attività commerciali della zona che vedranno ridursi il posto macchine dei rispettivi clienti. Quello che, però, più incuriosisce è vedere come questo tratto separerà la circolazione su 2 ruote da quella su 4. Anche perché, a poche decine di metri, c’è già un sottopasso per pedoni e ciclisti che collega Porta Milano alla vicina via Fabio Filzi, e molti si chiedono se non avesse più senso farla passare da li.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata