A Milano calano le multe e a dirlo sono i numeri. Nel bilancio di previsione 2020 Palazzo Marino ha previsto di incassare 285 milioni a fronte di un assestato 2019 di 259 milioni. Rispetto al 2018 è aumentata la percentuale delle multe incassate. In totale, lo scorso anno sono state elevate multe per 3,1 milioni di euro di cui 1,4 milioni sono state incassate (il 46,3%, dato non comprensivo del mese di dicembre). Secondo l’amministrazione comunale la diminuzione delle multe è dovuta agli autovelox che sono andati a regime mentre altri devono ancora essere implementati. Rimane alto il numero delle multe che i ghisa fanno a piedi, sopra i mille accertamenti al giorno perché l’obiettivo è quello di dare un “segnale importate” sulla lotta alla sosta selvaggia. Nei piani del Comune c’è anche l’incremento delle telecamere sui semafori per sanzionare chi passa con il rosso. In programma c’è anche l’acquisto di una Eagle Eye, una telecamera posizionata su una apposita vettura, che girerà per ogni municipio per controllare le soste. Al momento ce n’è una in funzione ma serve solo per la verifica delle assicurazioni. Ridurre il numero degli incidenti è poi la massima priorità di Palazzo Marino per fare in modo che si possa girare in città con meno gente che parla al cellulare, che passa con il rosso e che rispetti i  limiti di velocità.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata