La talpa della Tav sta per arrivare sul Garda: tra la fine di febbraio e i primi di marzo il mastodontico macchinario che servirà per scavare la maxi galleria tra Lonato e Desenzano raggiungerà il cantiere viaggiando su strada, smontata e poi allestita sul luogo dei lavori. Una notizia, però, che fa a pugni con le due gare deserte e una in fase di aggiudicazione. È lo stato dell’arte dei primi bandi di gara ad evidenza pubblica europea indetti dal general contractor Cepav due per la costruzione della linea ferroviaria alta velocità nella tratta tra Brescia est e Verona.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata