E’ accusato di essere un rapinatore seriale il 45enne kosovaro che è stato arrestato, a Milano, dagli agenti del commissariato Garibaldi-Venezia. A lui vengono imputati 7 colpi ai danni di altrettanti centri estetici in orari in cui erano presenti dipendenti e clienti. Le indagini, condotte dai poliziotti, hanno avuto inizio subito dopo una rapina in via Melchiorre Gioia lo scorso 6 febbraio: il 45enne ha fatto irruzione nel centro estetico nel pieno delle attività e, con il volto parzialmente coperto da un cappuccio e uno scalda collo, ha estratto un coltello a farfalla di grosse dimensioni intimando a tutti di non muoversi e di consegnare il denaro. Le commesse, terrorizzate, sono rimaste ferme mentre l’uomo si è impossessato di tutti i soldi della cassa, dei cellulari delle dipendenti, oltre al denaro di una delle clienti. L’uomo viene ritenuto l’autore di almeno altre 5 rapine avvenute nell’arco del mese di gennaio, sempre in centri estetici. Il kosovaro dovrà rispondere di rapina aggravata. Il rapinatore agiva sempre attorno alle 19, il suo modus operandi era così ripetitivo che gli investigatori del commissariato Garibaldi-Venezia hanno chiamato la serialità “Beauty”, come i centri bellezza che rapinava. Il 45enne kosovaro arrestato ha numerosi precedenti per furto, la sua fedina penale inizia nel 1991 ed è segnata da una serie di arresti. Nel settembre 2019 è stato scarcerato e trasferito in una comunità di recupero per tossicodipendenti dalla quale è fuggito il 22 dicembre. E’ riapparso sui radar della polizia il 7 gennaio, dopo la prima rapina. Da quel momento si sono ripetute a distanza di pochi giorni: il 16, il 19, il 22, 28 gennaio e il 6 febbraio.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata