Il treno 9595 Milano-Salerno è deragliato e due vagoni si sono ribaltati. Le due vittime sono due ferrovieri, Giuseppe Cicciù, 51 anni originario di Reggio Calabria, il macchinista morto insieme a Mario Di Cuonzo, 59 anni di Capua di Caserta. Tutti feriti in modo non grave i passeggeri a bordo, oltre al personale viaggiante di Trenitalia, dimessi poche ore dopo dall’ospedale. Il treno era il primo del mattino, partito dalla stazione Centrale del capoluogo lombardo alle 5.10. Tra le cause dell’incidente potrebbero esserci dei lavori di manutenzione in corso sui binari: ieri era stato sostituito un pezzo di uno scambio. La procura di Lodi ha aperto un’inchiesta per disastro ferroviario, omicidio colposo plurimo e lesioni colpose plurime. Sospesa la circolazione sulla linea ad alta velocità. I primi ad accorrere sul posto, oltre ai soccorritori, l’assessore regionale alla Protezione Civile Pietro Foroni e il consigliere regionale del movimento 5 stelle Marco Degli Angeli. Intanto i sindacati annunciano uno sciopero di due ore per tutti i ferrovieri dipendenti da tutte le aziende di settore operanti sulla rete nazionale e locale a partire dalle 12 di domani. Particolarmente scosso il presidente di Regione Lombardia Attilio Fontana.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata