Brescia La situazione di Brescia continua a preoccupare con un’impennata di contagiati da coronavirus. Brescia dopo Bergamo è la seconda città in Lombardia per numero di contagi da covid 19. I dati di ieri parlavano di 1227 con 126 decessi. “In città e provincia – ha spiegato l’assessore regionale Giulio Gallera – i casi sono cresciuti moltissimo, con un incremento di 561 persone, è l’incremento più ampio registrato da un giorno con l’altro finora”. Il sistema sanitario prosegue il suo incessante lavoro. In tutta la provincia di Brescia sono già stati ampiamente superati i mille casii. E la media regionale dei ricoveri è di circa un positivo su due: al Civile ne sono già ricoverati circa cinquecento, e tra martedì e mercoledì sono stati occupati gli ultimi posti letto, in tutto una dozzina. Intervenire è quanto mai necessario. In queste ore è al vaglio la proposta dei vertici dei due ospedali bresciani, Spedali Civili e Poliambulanza, che stanno lavorando ad un progetto che preveda la realizzazione di un ospedale da campo nella nell’area della Fiera di Brescia. Un progetto che dovrebbe però ancora trovare il via libera di Regione Lombardia e Ats, che devono valutare tempi di realizzazione e impiego del personale medico. In arrivo nei prossimi giorni più di 400 nuovi medici e infermieri. Per ora ci sono 200 medici specializzandi del quarto e quinto anno, già nelle graduatorie degli ospedali, che potranno essere assunti dalle strutture con contratti a tempo determinato. Non solo. Nei prossimi giorni a Brescia si laureeranno oltre 200 infermieri che potranno entrare in servizio subito. Le tesi di laurea si sono svolte anche oggi.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata