Il Coronavirus continua a mietere vittime nelle case di riposo. Nel piacentino, nell’Istituto della Madonna della Bomba, si sono già registrati 25 decessi, 5 solo giovedì. Secondo il sindacato Uil, si è trattato di una sottovalutazione iniziale dal momento in cui una loro ospite è deceduta dopo aver mostrato i primi sintomi il 26 febbraio. Al momento circa un terzo del personale è a casa, chi in malattia, chi in quarantena e il tampone è stato fatto solo a due dipendenti. Inoltre, il provvedimento di chiusura della struttura al pubblico è stato preso solo di recente.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata