Non c’è soltanto l’emergenza sangue. Serve anche parecchio ossigeno. L’allarme e l’invito sono stati lanciati dall’Azienda Farmaceutica Municipale di Casalmaggiore, in provincia di Cremona, ma valgono per tutto il territorio. Un accorato appello, invitando chiunque avesse in casa delle bombole d’ossigeno erogate nei giorni o mesi passati, a riportarle indietro presso la farmacia che le aveva consegnate o a consegnarle in altre farmacie. Le bombole, esaurite oppure utilizzate parzialmente, sono utilissime perché c’è carenza di ossigeno, necessario per i pazienti in cura per il Coronavirus. A rilanciare l’appello è il Codacons.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata