Le organizzazioni sindacali, unitamente alle RSA e RLS presenti nel polo logistico Amazon di Castel San Giovanni, nel piacentino, hanno dichiarato lo stato di agitazione che prevede l’astensione del lavoro straordinario facoltativo e/0 obbligatorio e con lo sciopero decorrente dal turno notturno fino al recepimento e al rispetto integrale delle disposizioni in materia di sicurezza dei lavoratori in questo momento di emergenza sanitaria. Secondo i sindacati, l’azienda non distribuisce le mascherine e non vuole rallentare la produzione per garantire distanziamento e sicurezza. Non si è fatta attendere la replica di Amazon che sottolinea come la sicurezza di lavoratori e clienti sia garantita e di come si stia cercando di dare la precedenza alla consegna di prodotti come generi alimentari, prodotti per la salute e la cura personale, oggetti necessari per lavorare da casa.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata