Cremona. Consiglio comunale lampo, di soli 35 minuti, oggi pomeriggio alle 14.30, per l’approvazione del bilancio previsionale 2020-2022 e di alcuni provvedimenti correlati. Non era possibile rinviare, per la necessità di intervenire rapidamente con alcune misure economiche, senza procrastinare fino alla scadenza del 30 aprile. Assente il presidente del consiglio comunale Paolo Carletti, in quarantena per un contatto con una persona infettata dal virus, la riunione è stata presieduta da Maria Vittoria Ceraso a porte chiuse e in diretta streaming, con 14 spettatori su Youtube. Guanti e mascherine per tutti i consiglieri all’ingresso in sala Quadri e banchi spostati per l’occasione, in modo da osservare la distanza di sicurezza di un metro. Non c’è stata discussione e nemmeno lettura dei dispositivi. La presidente del consiglio ha letto i titoli degli oggetti e la segretaria comunale Gabriella Di Girolamo ha fatto l’appello chiamando il voto palese. Così sono passati a maggioranza in pochi minuti, con 14 voti favorevoli, 7 contrari e nessun astenuto, argomenti che avevano scatenato grandi polemiche, come la modifica al regolamento dell’imposta sulla pubblicità, oltre alle nuove esenzioni sul Cosap, la determinazione dell’addizionale comunale sull’Irpef, le aliquote dell’Imu, con il nuovo regolamento, le nuove disposizioni sulla Tari e l’aggiornamento del documento di programmazione. Sono così stati recepiti gli effetti dell’ultima manovra governativa. I gettoni di presenza, su proposta di Lapo Pasquetti, sono stati devoluti all’ospedale. Il sindaco Gianluca Galimberti ha ringraziato i sanitari per il loro eccezionale impegno e ha ricordato che esiste una raccolta fondi attivata sui canali ufficiali dell’azienda ospedaliera.

Paolo Zignani

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata