Stop a cantieri e manutenzione del verde pubblico fino al 3 aprile a Piacenza. La decisione è stata presa in seguito al decreto ministeriale del 22 marzo scorso e delle successive ordinanze emanate dalla Regione Emilia Romagna. Sono quindi sospese tutte le attività nei cantieri di lavoro, con la sola eccezione degli interventi urgenti per la messa in sicurezza del territorio, delle opere pubbliche di somma urgenza e di ripristino dei luoghi pubblici, ovvero per la realizzazione e manutenzione di strutture sanitarie e di protezione civile, nonché per la manutenzione della rete stradale, autostradale, ferroviaria e del trasporto pubblico locale. Tutti i cantieri privati aperti devono essere chiusi, con la sola esclusione di quelli la cui sospensione può determinare danni gravi e irreparabili a strutture e persone. Anche i lavori di manutenzione e cura del verde pubblico restano necessariamente sospesi sino al termine del 3 aprile, non rientrando tra le attività produttive appartenenti alla cosiddetta “filiera dell’emergenza”. Contestualmente, si conferma la chiusura di tutti i parchi pubblici, orti comunali, aree di sgambamento cani, aree sportive a libero accesso, servizi igienici pubblici e privati ad uso pubblico e aree attrezzate per attività ludiche. Sospese anche tutte le attività artigianali che non siano connesse a situazioni di emergenza, consentendo unicamente il pronto intervento di idraulici, elettricisti, vetrai e falegnami per la riparazione di guasti urgenti nelle abitazioni, così come i servizi indispensabili di meccanici, elettrauto e gommisti per garantire la mobilità degli automezzi.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata