Brescia Circa cinque casi a Bergamo e altrettanti a Brescia ricoverati rispettivamente al Giovanni XXIII e agli Spedali Civili. Si tratta di piccoli pazienti affetti dalla Kawasaki, una malattia che colpisce i più piccoli e che si manifesta con una infiammazione dei vasi sanguigni. Una patologia ben nota da tempo ma che ora si sta manifestando con più frequenza nelle due città lombarde e in vari paesi europei. In Italia sono stati i pediatri e cardiologi dell’Ospedale bergamasco, che in un mese hanno registrato un numero di casi pari a quelli degli ultimi 3 anni. Per la casistica degli ultimi 2 mesi, affermano, il responsabile è il nuovo Coronavirus.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata