Brescia, mancano i reagenti per processare i tamponi

Brescia L’autonomia ora è di una sola settimana dopodichè il lavoro è fermo. E’ l’allarme che arriva dall’Istituto Zooprofilattico dell’Emilia Romagna e Lombardia con sede a Brescia, dove su 3000 tamponi che arrivano ogni giorno, ne vengono processati circa 2400. Un’attività che potrebbe bloccarsi presto se non arrivano i reagenti – sostanze che scarseggiano perché sono poche le ditte che le producono e sono in gran parte all’estero – e che consentono di estrarre il genoma del virus, amplificarlo e renderlo visibile.