Aumentano ancora i positivi al coronavirus in provincia di Cremona, salendo a quota 4.233, salendo oggi dunque di 79. Un dato che non conosce ancora una riduzione significativa, rimanendo sulla media di un centinaio al giorno o poco meno, che si ripete ormai da settimane. Ieri però il pronto soccorso dell’ospedale maggiore ha registrato un dato incoraggiante: una chiara diminuzione degli accessi dei pazienti covid: non sono stati molti nemmeno gli altri malati, in una giornata più tranquilla rispetto alle settimane precedenti. Oggi, ugualmente, calano gli accessi dei pazienti covid, diventati meno numerosi degli altri malati. Le cure, dunque, sembrano destinate a concentrarsi più a domicilio che negli ospedali. L’impegno nella prevenzione del contagio intanto si rafforza sul territorio con la distribuzione di mascherine. In provincia ne sono arrivate 126mila, consegnate a Cremona dalla Protezione civile regionale e da domani distribuite nelle farmacie e nelle sedi più frequentate, come uffici postali, banche, negozi, edicole, distribuite dai volontari. Da parte loro i Comuni si sono attivati già oggi, all’indomani dell’ordinanza regionale che impone di coprire naso e bocca con ogni indumento adatto e lavarsi le mani. Ieri ad esempio a Soresina, uno dei Comuni più colpiti, con 23 vittime sono state distribuite da alcune associazioni di volontariato, dalla Pro Loco e dalla Consulta giovani 4.500 mascherine, con un incasso di 6mila euro. Domani saranno consegnate alle persone impossibilitate a muoversi gel igienizzante e dispositivi di protezione.

Paolo Zignani

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata