La Procura di Bergamo ha avviato un’inchiesta per far luce sul focolaio del Coronavirus che si è verificato nell’ospedale di Alzano Lombardo, comune della Bassa Val Seriana, particolarmente flagellato dal boom di contagi. Il fascicolo è stato aperto contro ignoti per epidemia colposa. La Procura vuole fare chiarezza sulla gestione dei primi malati risultati positivi e la decisione del 23 febbraio di chiudere e riaprire dopo alcune ore il pronto soccorso. Nas al lavoro nell’ospedale per perquisizioni e acquisizione di alcuni documenti. Ad Alzano era stato ricoverato l’84enne Ernesto Ravelli, poi il 23 trasferito al Papa Giovanni e deceduto, ritenuta la prima morte per Covid 19 della provincia di Bergamo. Sempre ad Alzano il 15 era stato ricoverato un 83enne di Nembro il cui tampone è risultato positivo il 23 febbraio.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata