Cremona 630 famiglie cremonesi sono in grandissima difficoltà economica a causa del coronavirus. Nessuno ha ricevuto l’aiuto economico promesso dal Governo. Non hanno soldi per fare la spesa ne per loro ne per i loro figli, non possono lavorare, le loro attività sono ancora chiuse, non riescono a pagare tasse e bollette. Così si sono riuniti virtualmente in un gruppo facebook “flashmob 10 maggio libero”. Vige il distanziamento sociale. La parola d’ordine è silenzio e repressione di qualsiasi forma di protesta anche pacifica e apolitica…lei è romana, mamma di due figli e in attesa di un terzo e fondatrice del gruppo che avrebbe voluto manifestare questa mattina in piazza stradivari solo per portare a conoscenza ciò che stanno vivendo. Avrebbe, perché tutto è stato intercettato e bloccato dalla Digos. Così queste famiglie disperate hanno chiesto aiuto al sindaco Galimberti.. ma nulla da fare. Essendo un politico non si può esporre penalmente e politicamente.E in questa emergenza sanitaria non si pensa nemmeno ai nostri anziani, pilastri della nostra società, anziani che vengono letteralmente abbandonati nelle Rsa. Si comincia a respirare un’aria di grande insofferenza per le continue richieste di sacrifici ai cittadini.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata