il Dl Rilancio non ha portato il respiro sperato agli albergatori bresciani, che fanno i conti con un orizzonte nero: non si sa quando le attività potranno realmente riprendere e quelle rimaste aperte contano solo una manciata di clienti che si muovono per lavoro. Tra i problemi che pesano sulla categoria l’incertezza dei protocolli per la ripartenza, l’incognita dell’apertura dei confini regionali e nazionali; poi rischi economici, come il bonus vacanze, o penali come la responsabilità in caso di contagio di lavoratori o clienti.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata